SPEDIZIONE GRATUITA! Consegna entro 5 giorni lavorativi

Carrello vuoto

  • L' olio Coratina pugliese

  • "Ma chi l'ha detto che l'olio d'oliva è così importante?"

    "Posso sostituire con burro e altri oli!"


    Se pensate che ciò sia vero, beh state commettendo un grande errore. L’olio d’oliva ha una caratteristica unica: gli acidi grassi monoinsaturi (in particolare l’acido oleico), di cui il burro è completamente privo e che le altre tipologie di olio contengono in quantità proporzionalmente insignificanti.

  • FOTO
  • Dunque quali sono le sostanze nutrizionali più importanti da ricercare in un olio d'oliva?

    Tra gli innumerevoli virtuosi costituenti nutrizionali dell’olio d’oliva (come steroli, vitamina E, caroteni), due sono i più importanti:

    • Acido oleico
    • Polifenoli


    Per capire meglio il rapporto tra tali sostanze e la salute visitare la sezione   Chi sei.

    La quantità di queste sostanze varia considerevolmente in base alla varietà delle olive dalle quali si ottiene l’olio.

  • Allora quale varietà permette di ottenere l'olio con maggior contenuto di acido oleico e polifenoli?

    Studi accertati dimostrano che la coratina è la cultivar con maggior contenuto in assoluto di tali sostanze (ha un numero di polifenoli pari anche al 300% rispetto ad altre varietà) . Anche la più veloce ricerca in rete sui vantaggi della coratina metterà in evidenza tale peculiarità.


    Inoltre, essendo tale pianta discretamente resistente a tutte le malattie in genere, è una delle poche che ben si adatta anche alla coltivazione biologica , permettendo di eliminare l’uso di pesticidi che si introdurrebbero nella catena alimentare.

  • FOTO
  • Ecco il motivo per cui preferire un olio 100% coratina!

    Proprio l’alto contenuto polifenolico conferisce all’olio coratina un gusto intenso, fruttato, fresco con note amarognole e piccanti. L’odore di oliva è netto e inconfondibile, conserva cioè un chiaro ricordo del frutto crudo, cui si uniscono decisi sentori di mandorla verde fresca.


    Certo, per molto tempo il nostro palato è stato abituato ad oli dolciastri o insipidi, frutto di scarsa conoscenza e disinformazione sulle tecniche di lavorazione da adottare per ottenere oli di qualità. Per questo a lungo, la coratina è stata usata solo per insaporire oli senza carattere, un vero spreco!

  • coratina

    È fondamentale educare il nostro palato ad apprezzare gli alimenti migliori.
    Il sapore pungente che a un consumatore poco abituato può risultare in un primo momento aggressivo, successivamente sarà così coinvolgente che non se ne potrà fare più a meno.

    Avendo un gusto deciso e saporito, l’olio coratina puro è un alimento ad alto effetto condente . Pertanto basterà versarne meno, con moderazione (introducendo così anche un minor apporto calorico ), per conferire gusto e profumi senza prevaricare il sapore di altri alimenti. 


    Quindi non solo se ne usa in quantità minori, ma permette anche una migliore conservazione!

    Sì! Perché l’alto numero di polifenoli, così come per l’organismo umano, preserva l’olio da fenomeni di irrancidimento e degradazione delle sue qualità.

  • La qualità della purezza...

    L’olio monovarietale di “Coratina”, alla stregua di un vino prodotto in purezza come il Nero di troia, il Primitivo di Manduria o il Negramaro, garantisce caratteristiche chimiche e sensoriali di origine genetica e territoriale uniche ed irripetibili. Un olio ideale per consumatori attenti alla salute e alla ricerca di particolari sensazioni gustative, con la voglia di esplorare nuove e diverse opportunità di abbinamento con carne, pesce, legumi, verdure (puoi approfondire su Come consumare l’olio).


    Facile dire extravergine!

    Bisogna prestare attenzione a non confondere “olio extravergine” con “olio di qualità”, perché i parametri imposti dalla legge italiana permettono di classificare come extravergini oli anche di modesta qualità: è facilmente intuibile che oli extravergini venduti al supermercato per 3-4 €/l non sono certo paragonabili ad oli artigianali d’eccellenza, sia in termini salutistici che degustativi.

  • Amarezza e piccantezza non sono sinonimi di acidità!

    Da quanto descritto fin qui, ormai dovrebbe essere chiaro che tali sapori sono, al contrario, indice di alta qualità. Ma purtroppo c’è ancora diffidenza e confusione tra i consumatori. A dimostrazione di quanto detto, vi invitiamo a guardare con i vostri occhi il livello di acidità del nostro olio, disponibile nella sezione  Qualità garantita.

  • FOTO